giovedì 23 agosto 2012

[manga&my tastes] Yaoi in corso (e post chilometrici)


Just standing there, you were amazingly beautiful.

I thought that if it's a world where such a beautiful person exist,
maybe even the yakuza can't be so bad.

(Saezuru Tori wa Habatakanai)



(a volte penso che se più maschi leggessero gli yaoi,
 ci sarebbero anche molti più stronzi pieni di savoir-far 
capaci di abbindolare le ragazze)

In questo periodo ci sono un certo tot di yaoi in prosecuzione che mi stanno piacendo molto, e visto che non vi ho (quasi) mai accennato ho pensato di fare un bel riassuntozzo al riguardo :3
Direi che n'è per per tutti i gusti èè



- La saga di Sakuraga Sensei: per spiegazioni lunghe e dettagliate come al solito vi rimando a Hana, che scrive post comodissimi al riguardo (e così mi avverte anche indirettamente di quando vengono aggiornati i capitoli); dall'alto della mia ultra-pigrizia invece vi posso dire che è appunto una saga, quindi parecchi volumi collegati tra loro, e che non merita, DI PIU'.
Dico sul serio, nel suo raccontare comunque storie di genere yaoi classicissime (a livello di rapporti seme/uke), ha una bravura che è sopra la media rispetto a tantissime delle sue numerose colleghe, e se uno ama il genere secondo me è molto probabile che finisca per appassionarsi.







- Saezuru Tori wa Habatakanai, di Yoneda Kou: ecco, questo è decisamente un'altra storia. Siamo da tutt'altra parte in ogni suo aspetto, dai rapporti tra i personaggi (e bis) allo stile di narrazione e di disegno.
La trama non è esattamente "leggera" e lo consiglierei solo a chi non abbia problemi/non si annoi a leggere una storia dove la sfera sessuale ha importanza, anche se non nel senso "oddio lo fanno °C*".

La storia parla dello yakuza Yashiro e della sua nuova guardia del corpo, Doumeki. Yashiro è famoso per essere abile nel suo lavoro e per la sua natura masochista, che non ha il minimo interessa a nascondere. Doumeki è un ragazzo che è stato in prigione, anche se a guardarlo sembra tutto men che un criminale (per carattere ha tratti in comune con Doumeki di XXXHolic, quindi fate un po' voi). Doumeki è anche un (bel) ragazzo che ha problemi d'impotenza, e quindi a quanto pare Yashiro si è trovato l'unico bodyguard della compagnia da cui non può farsi trastullare. E' stata un'impresona, ma forse neanche tanto quanto sembra.
And then? And then leggete \O\
Mi piace da morire, ma seriamente.

Leggendo l'ultimo capitolo uscito sono rimasta a bocca aperta davanti a certe tavole, perché ci sono  momenti in cui l'autrice dimostra non solo talento, ma anche una bravura da "okay, sei Yoneda Fucking Kou e sei una Maestra di quelle con la M maiuscola, lo riconosco e prendo atto".
C'è stata una scena in particolare dove ci sono rimasta secca, sembravo una cretina e stavo lì a fissare lo schermo e vomitarle addosso complimenti mentali perché OMG, MA SEI UN GENIO.


I protagonisti e in basso l'amico
che sembra-uke-ma-anche-no
- Elektel Delusion, di Nekota Yonezou: la Yonezou è abbastanza famosa tra le appassionate, ed è anche stata una delle mie iniziatrice al genere. Avevo accennato a questa cosa quando uscì la notizia che sarebbe stato pubblicato Hidoku Shinaide (che è la mia-sua opera preferita, ora c'è da vedere se davvero uscirà o continueranno a pubblicare avvisini feisbukkari simpa di ritardo *no comment*), comunque lo ribadisco: evviva la Yonezou. In italiano si trovano diversi commenti sia positivi che negativi, ma di solito quelli negativi sono dovuti al fatto che la Yonezou NON è di quelle alla "ti amo ti amo anch'io facciamo l'amore dolcemente": aka quando i protagonisti zompano, non sempre lo fanno con totale e innegabile decisione tra le parti o certi al mille per mille che fare roba sia la migliore idea della propria vita e non un ormonale "oddio che sta succedendo oh mamma che bella sensazione ANCORA... aspetta, CHE STAI FACENDO CON QUELLO?!". 
Non subitissimo almeno, il che non gl'impedisce di avere orgasmi da svenimento e ritrovarsi un tot di capitoli dopo col seme brutto e cattivo che elemosina un po' d'attenzione dall'uke che fa quello impegnato con la scuola e le sue cose, il tutto senza che la cosa risulti forzata o blablabla. Per me il termine giusto è appassionante (e sì, sto parlando di Hidoku).

Elektel in tutto questo è un'eccezione, perché il rapporto tra i protagonisti è quello di due amici d'infanzia, di cui uno gay da tempo e da altrettanto tempo innamorato del suo amico. A un certo punto l'allegro amico etero (...) si ritrova davanti alla verità, che non sospettava minimamente, e saranno dubbi, approcci non proprio pacati XD e il tentativo di capire che si vuole fare con quello che si ha tra le mani e in quel posto fastidioso che iniiza per c. e non è il sedere.



- Himegoto Asobi, di Yaya Sakuragi: La trama è semplice, il venditore di dolci Tanihara (un tipo molto flemmatico e tranquillo), si ritrova ad avere a che fare col pediatra della figlia, uno che d'aspetto t'immagini più come, che ne so, un primario chirurgo dell'ospedale più figo di uno Stato celebre degli Usa. Il Doc. è austero ed elegante, e quando Tanihara scopre che *squillo di trombe* è gay, se ne sente incuriosito.
Non è una storia tra liceali, si parla di uomini adulti e sexy Tanihara rimane di sasso quando si rende conto di quanto il dottore lo stia scombussolando, lui è che sempre quello superiore e inscalfibile (e per davvero, non in senso puramente tsundere).

Momenti di crisi perché "OMG MA CI SOMIGLIA DA MATTI"
Sakuragi Sensei qui è al suo meglio per capacità e bravura, e si vede.
Poi c'è l'inquietante nota personale, della serie che in certi momenti non so se ridere istericamente o nascondermi la faccia tra le mani: il Doc. infatti assomiglia DA MORIRE a quello che è stato effettivamente il mio pediatra, con la differenza che quest'ultimo è sempre stato più avvezzo alle risate. Ora il suddetto ha sessant'anni, anche se non li dimostra affatto, ma il fatto che Doc. somigli così tanto a lui da più giovane in certi momenti (indovinate quali, soprattutto *_*/) mi mette in crisi XDD








- Uchi no Darling Gaikokujin, di una pazzoide a cui voglio del bene Araya Miki: okay, partiamo dal fatto che questo è un manga comico-demenziale, e la premessa iniziale è esattamente tale.

L'americanissimo vacanziero Alex si perde in un quartiere residenziale giapponese, e chiede informazioni a un ragazzo tutto carino e a modino che passa di lì, Yoshifumi: Alex vuole indicazioni per un certo tempio, e gliele chiede usando le frasi imparate dall'amico filogiappo con cui è venuto in Giappone.
Sono che l'amico in questione è uno spiritosone, e così quello che ha spacciato ad Alex come modo per chiedere indicazioni è una cosa tipo "mi piaci, mi piaci tantissimo plz fidanziamoci!"

Davanti alle richieste di questo bel gaijin tutto infervorato Yoshifumi reagisce proprio come un qualsiasi giapponese tipo: sorride gioioso e dice "ci sto!"
I due vanno a casa di Yoshifumi: Alex convinto che lo accompagni lì per spiegargli bene cosa fare, il padrone di casa per portare la nuova novella al suo maggiordomo. La reazione del suddetto è  di gioia e commozione, e anche i genitori (all'estero per lavoro, come due quarti dei genitori di manga e anime) vengono avvisati per telefono.
Segue bordello quando Alex scopre l'equivoco.

Ora, con una trama simile ovviamente il manga non potrà che essere da ridere: la cosa bella è che nel suo essere buffa e improbabile la storia fa affezionare *_* Uno finisce per apprezzalo quel covo di matti (quello con la testa più sulle spalle è l'amico burlone di Alex, fate voi).  Sa vete voglia di sghignazzare e affezionarvi a gente fuori di testa provate a leggerlo, su LovetheLove ci sono già i primi capitoli tradotti in italiano ^^


Notarella: Tutti i manga citati hanno una storia (e secondo me pure parecchio bella, o semplicemente spassosa XD), non sono semplici PWP con tre paginette di trama buttata lì per spiegare le scene zozze. Detto ciò, nessuno di questi è shonen-ai, sono tutti yaoi con scene grafiche.
Ergo, solito discorso: leggetene tutti, apprezzate... a patto di sapere che ogni tanto ci sono anche quelle scene.
Se vi danno fastidio, è un peccato per voi ma meglio lasciar perdere Saezuru, dove vista la questione di Yashiro il sesso è giocoforza importante per la trama, mentre negli altri casi seguire la storia saltando le scene NC17 è possibile, anche se sinceramente dubito risulterebbero davvero pesanti (un po' di più esplicite solo nel caso della Nekota, magari) ^^

2 commenti:

  1. Ah, ah..alla fine leggiamo gli stessi yaoi; mi "manca" solo Uchi no Darling Gaikokujin, di cui ricordo perfettamente di aver letto il primo capitolo, ma poi me lo sono "perso per strada"..chissà come mai, però...
    P.S. io da piccola avevo UNA pediatra, ed era pure racchia e antipatica T_T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, abbiamo gusti simillissimi negli yaoi! Uchi ora che è pur ein italiano ti consiglio di riprovarlo, nella sua puccioleria finisci per volergli bene pure tu magari <3<3

      I dottori sono un terno al lotto, dipende sempre da Missis Fortuna chi ti becchi èè

      Elimina