lunedì 3 novembre 2014

Annunci Lucca Comics 2014

Inizio con il post a tema annunci, perché quelli sulle mie gironate lucchesi penso verranno come al solito ciccionissimi e ci potrebbe volere qualche giorno a prepararli, mentre questo intanto è già pronto!
Pochi indugi e partiamo con questi annunci...

Dynit ha annunciato i primi due film Shinjeki no Kyojin, ma in quanto riassunti della serie non m'interessano molto e sono praticamente certa (okay, certa e basta) che li salterò a piè pari.
I giapponesi hanno un po' la fissa per questi filmoni riassuntivi (vedi Evangelion e Madoka) e capisco benissimo quali siano le motivazioni commerciali che ci stanno dietro, ma per Shinjeki (e Madoka) non sono molto interesatta a rivedermi il riassunto di una serie che ho già visto. Aspetto semmai il film con i contenuti nuovi, e soprattutto la prossima serie.

Star Comics

 
Di sicuro prenderò Maison Ikkoku Perfect Edition (da Aprile)! A parte l'averne sentito decantare la meraviglia per secoli (penso che un sacco di gente dell'Internet farà la ola a questo annuncio tanto atteso, sospirato e richiesto), quel che conta è che la trama mi ha sempre incuriosito: a quindici anni mi sono innamorata di Love Hina e l'idea di quel tipo di ambientazione messa in scena dalla mamma di Inuyasha e prima ancora di Ranma mi ispira parecchio!












Altro acquisto di cui sono sicura al 90% almeno è A Silent Voice (Koe no Katachi), di Yoshitoki Ooima (da Maggio).

Ho già letto tempo fa la oneshot da cui parte la serie, che mi ha decisamente colpito, e il primo numero sono quasi certa (vedere il succitato 90%) che sarà mio.
L'argomento trattato è particolare: bullismo, ma raccontato in maniera diversa da altri lavori a cui potreste pensare (vedi Keiko Suenobu). E' un argomento al quale sono sensibile e mi sono capitati manga che lo trattavano in un modo che mi piaceva e altri che invece proprio no. Questa shot mi colpì un po' a livello dello stomaco, anche se il finale era di quelli in toto positivi, e penso si meriti l'acquisto di prova, per vedere se e quanto merita la serie sviluppata dall'episodio singolo.
Alla base della trama sono i due ragazzini che vedete qui accanto e l'incasinato rapporto (nato sotto PESSIMI auspici) tra i due, lui inizialmente cretino e sempre testardaccio, lei allegra e piacevole, affetta da sordità e finita in un gruppo di ragazzini infami.

La oneshot mi ha lasciato il tipo di sensazione di cui ho scritto sopra, spero che la serie meriti.


Star ricomincerà a pubblicare anche Gintama (da Aprile), partendo con la doppia uscita dei primi due volumi: anche questo annuncio dovrebbe fare la gioia di diverse persone, ma non credo sarò tra quelli in prima fila per prenderlo. Probabilmente mi darò comunque alla revisione post-anni e anni dell'anime, vedi mai che non scocchi la scintilla!

C'è poi la pseudo-incognita dei leggeri Il ventaglio scarlatto (Ayakashi Hisen), Kingyozaka noboru e Last Notes. Hanno ognuno un dettaglio di trama che m'incuriosisce, ma guardando le tavole di presentazione penso di essermi fatta un'idea abbastanza chiara del tipo di manga che saranno e quasi certamente resteranno in fumetteria... del resto sto già prendendo un sacco di serie x_x ho anche una lista discretamente lunga di titoli "per quando non ci sarà altro che m'ispira" (campa cavallo) e non muoio proprio dalla voglia di allungare l'elenco.
Bene così.


Planet Manga

Di Planet manga posso già dire di cosa sfoglierò il primo volume in fumetteria e cosa prenderò sicuramente, almeno per quanto riguarda il primo volume: nella prima categoria vanno Run Day Burst, forse Gigantomakia (proprio per la curiosità di sfogliarlo e veder meglio di che si tratta, contando che si tratta anche di un volume unico); sempre in enorme forse e a seconda dalla random curiosità da sfogliata Bamboo Blade e Seraph of the end.
Notar bene: i miei "sfogliata" spesso NON si trasformano in acquisto. Scrivo che ho intenzione di guardare i primi volumi di questi manga per onestà, perché già dalle copertine e l'accenno di trama capisco se trovandomeli davanti effettivamente li sfoglierò, ma nel, diciamo, 80% dei casi la cosa finisce sempre con la sottoscritta che rimette il volume apposto.

Sicuramente a Maggio proverò almeno il primo volume di Sennen no Yuki - Sangue sulla neve di Bisco Hatori. Bisco Hatori. Aka l'autrice di Host Club. Ho guardato le tavole di presentazione e ho avuto la riprova di che sentimentale senza speranza del cacchio sono, perché vedere in pratica Tamaki coi capelli neri e la faccia burbera mi ha dato una stretta all'altezza del petto e tolto ogni dubbio sul fatto che vedendo il primo numero in fumetteria mi piglierà quella brutta cosa detta doki doki negli angoli più oscuri e rosa del web e arrafferò il volumetto alla velocità della luce.
Che vi devo dire, a ognuno le su croci è_è




Un serio "forse" è l'autunnale Arslan Senki, perché i disegni della Harakawa mi hanno ispirato subito, anche se c'è da contare che nella copertina del primo volume si vede semplicemente Edward colorato coi toni chiari XD e i disegni delle tavole di presentazione mostrano sempre personaggi che potrebbero essere tranquillamente quelli di FMA, anche se il tratto per certo versi mi sembra decisamente più elegante rispetto al solito; a parte questo, c'è poi soprattutto da dire che stando alla trama fornita la storia mi potrebbe piacere, quindi diciamo che vale una sfogliata in fumetteria piuttosto interessata!


Goen

Non ho un gran bel rapporto con la Goen: al momento di loro prendo solo Ze e ho il primo numero di Due come noi! che aspetta di esser letto da mesi (lo farò, giuro)... considerato il calendario uscite da brivido e le traduzioni un po' così non ho sicuramente un debole per loro. Tutt'altro.
A questo giro lucchese però hanno annunciato un titolo che non mi sarei aspettata di vedere apparire in Italia e due che invece mi sarei aspettata ma avrei preferito uscissero per Planet o Star. Sto parlando rispettivamente di Bus Gamer della Minekura e Junjou Romantica e Sekaiichi hatsukoi di Shunjiko Nakamura.



Kazuya Minekura è la mia mangaka preferita. E' una di quei pochissimi autori, credo contabili sulle dita di una mano, di cui comprerei qualsiasi cosa a scatola chiusa, anche l'ormai famigerata lista della spesa. Bus Gamer però non è un acquisto a scatola chiusa - in realtà ormai per me non lo sarebbe propriamente nessuno dei suoi XD - l'ho letto anni fa tradotto e so già che mi piace. Sicuramente non mi sarebbe mai venuto in mente che lo tirassero fuori adesso, tanto meno che uscisse per la Goen! Comunque sarà mio di sicuro, il giorno (l'anno) in cui uscirà, e visti i precedenti della casa editrice che sia un volume unico è un sollievo.

Non sono sicuramente volumi unici, invece, Junjou Romantica e Sekaiichi Hatsukoi: entrambe serie lunghissime, il primo al momento dovrebbero essere 17/18 volumi, il secondo 9.
Junjou è uno degli yaoi più noti al pubblico italiano e credo anche giapponese. E' stato il battesimo al genere per un sacco di gente, uno dei primi per me. Ho smesso di seguirlo assiduamente ormai da tempo, perché la storia ha cominciato anni fa a dilungarsi e ripetere situazioni. Nonostante questo per abitudine e affetto ogni tot mesi prendevo la traduzione italiana e recuperavo in tutta tranquillità e rilassatezza gli ultimi capitoli, ma visto l'annuncio della licensa probabilmente le traduzioni in lingua nostrana spariranno (poco male se si capisce l'inglese).
Se/quando uscirà avrà un'edizione che reputo degna molto probabilmente prenderò il primo volume perché questo e  i di poco seguenti sono quelli che ricordo con più sincero affetto, nella mia memoria sono belli e coinvolgenti.
C'è poi Sekaiichi Hatsukoi: a quanto pare l'intenzione sarebbe di alternarli mensilmente una volta finito Ze (11 volumi di cui 7 usciti). Al momento Sekaiichi mi piace più di Junjou: penso che comprerei tutti i volumi finora editi (fermo restando la bontà della traduzione ed edizione), se uscissero con la regolarità promessa, ma considerando come si è comportata la Goen finora non mi faccio illusioni in proposito.
Forse con l'acquisto di una delle mangaka yaoi più seguite nel nostro Paese sperano di fare il colpo grosso, tenendo sempre conto del fatto che parliamo di un'autrice finora mai pubblicata in Italia. Nel corso del tempo ho letto un sacco di commenti su pagine fb e non solo stile "perfavore portateci Junjou/Sekaiichi!" e sono dell'idea che in diverse acquisteranno i volumi, ma se si raggiungeranno grandi cifre proprio non lo so dire. In ogni caso sembra che alla conferenza sia stato detto che tali commenti e petizioni abbiano avuto un ruolo nel convincere la Nakamura a cedere i diritti.
Riporto da Animeclick:
" L'ottenimento dei diritti dei manga di Shungiku Nakamura è stata difficile perché l'autrice ci tiene che le sue opere pubblicate all'estero mantengano certi standard, infatti supervisiona direttamente anche l'edizione francese e quella tedesca. Per questo era restìa a concedere i diritti per l'Italia, per paura di non poterla seguire adeguatamente, ma le sono state mostrate tutte le varie petizioni e discussioni nei forum dei fan italiani e alla fine si è convinta." 

Il messaggio sembra chiaro.
Se davvero pubblicheranno in maniera degna Sekaiichi, sarà mio. Stesso discorso per i primissimi volumi di Junjou. Aspettiamo e stiamo a vedere se e in quali condizioni questi volumi davvero appariranno sul mercato: non nutro grandissime speranze al riguardo, perché ormai gli editori minori di manga nostrani hanno più e più volte promesso mari e monti con risultati ben noti a tutti i lettori. Se questa volta andrà bene tanto meglio, ma finché non vedo non credo.



Stesso discorso "vediamo se e come esce" per "Himitsu" di Reiko Shimizu: mi voglio informare un po' e vederlo quando uscirà, ma di per sé m'ispirerebbe.
C'è poi un manga annunciato di Shinici Hiromoto, di cui ho ADORATO GoGo Heaven, ma ho trovato pochissimo al riguardo e anche qui vedremo al momento dell'uscita. Altri suoi manga mi sono piaciuti, altri no, ma un'occhiata se e quando uscirà gliela darò sicuramente.

Abbiamo poi l'incognita di "Versailles no Bara" (aka Lady Oscar): non ho mai seguito davvero l'anime (ricordo che quando lo trovavo in televisione ero proprio piccolina, e di recuperarlo via Internet sinceramente non ho voglia) ma la curiosità di leggere il manga decisamente l'avrei. Comunque, semmai andrà nella lista dei "se e quando finirà".
Nella stessa lista ho anche da tempo Alice Academy e a quanto pare è uno dei titoli che vanno meglio. Mi fa piacere e spero che vedrà davvero la fine.

Infine, ci sono state le solite spiegazioni e rispiegazioni su come i ritardi biblici e imbarazzanti abbiano dietro dodicimila motivi e siano sempre in gran parte colpa dei giapponesi, anche se Animeclick riporta l'ammissione di avvenute "questioni interne di staff".
Io anni fa avevo una certa ammirazione per Gattone, davvero, ma il lavoro con la Goen ha fatto sì che i miei bei ricordi di questo nome si limitino agli anni del liceo. Se davvero riuscirranno a rimettere in carreggiata la casa editrice ne sarò felice, ma per il momento mi limito a prendere atto dell'ennesima dose di spiegazioni e motivazioni che però, di solito, non sono seguite da seri cambiamenti nell'organizzazione e periodizzazione delle serie.


Rimangono JPop e GPManga: la prima ha annunciato solo una commedia zozza (decisamente bye bye), dei secondi ci sarebbero tipo tre cose che potrebbero blandamente tentarmi a prendere il primo numero: Samurai Drive, Jiu Jiu e Kamisama no Inai, ma visto di chi stiamo parlando mi rifiuto di tenerli in considerazione finché non saranno terminate le serie (due su tre sarebbero già concluse, ma comunque nisba fino al rispettivo volumetto finale). Insomma, si parla di tempi talmente lunghi che faccio in tempo a diventare una professionista avviata nel mio lavoro.


In generale, ci sono solo quattro volumi (vedi Bus Gamer che è unico)/serie di cui sicuramente prenderò il primo volume, più l'incognita rappresentata dai futuri Junjou e Sekaiichi, in cui tutto dipende dalla bontà dell'adattamento. Il resto che ho citato molto probabilmente finirà per rimanere in fumetteria, ma come ho detto all'inizio, sto già prendendo molte serie e mi va più che bene così.

Ci risentiamo nei prossimi giorni con i post su Lucca 2014 veri e propri *_*

6 commenti:

  1. Anche io sono molto indecisa per Junjou. Sono affezionata a certe parti, solo che quelle parti sono rese meglio, almeno graficamente, nell'anime ^^" non sapevo che la Nakamura fosse così precisa e sono contenta che l'apporto dei fans sia stato importante. Al momento sono più per il no, ma si vedrà...mi piacerebbe portassero Hybrid Child. Quello lo prenderei con piacere!

    Neanche io mi aspettavo Bus Gamer! Pensavo che non avremmo visto altro della Minekura per un bel po'! Chissà se ci porteranno anche i titoli ancora più vecchi! **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sui disegni passerei pure sopra, solo che poi la storia comincia a rigirarsi su se stessa da morire imho :| I primi volumi sono sicura di prenderli, ma dopo non credo proprio...

      Guarda, io spero che di Minekura Sensei portino tutto quanto! In particolare vorrei le sue one-shot pubblicate sulla rivista Arcana *_____* I titoli più vecchi li ho in giapponese, insieme a Bus Gamer stesso e molti altri, ma non li ho mai letti nemmeno in inglese e mi piacerebbe molto poterlo fare.

      Elimina
  2. Ecco, mi sembrava che A Silent Voice fosse davvero familiare come trama! Allora ho letto anch'io la one-shot di cui parli, ma poi ho pensato che fossero due opere diverse, dato che la prima è appunto una one-shot e invece per Koe no Katachi si parla di una serie!
    Grazie per l'illuminazione ;).
    Tornando agli altri annunci, pure io sono al momento del partito della "sfogliata": per molti titoli credo che darò una possibilità ai primi numeri, ma non so dire se continuerò o meno; da quello che ho letto, nessuno mi ha convinto davvero, eccezion fatta per titoli assodati come Gintama, Maison Ikkoku o Versailles no Bara che magari finalmente recupererò.
    Per me gli annunci più interessanti sono stati quelli della GOEN: in questo caso sarebbero in gran parte acquisti sicuri (dalla Shimizu alla Anno, passando per Rin e Bus Gamer, oltre, ovviamente a Junjou e Sekaiichi); ora bisogna solo aspettare che arrivino "effettivamente" in fumetteria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nulla! ^.^ Spero che la serie meriti.
      Viva il partito della sfogliata XD Dopo tanti anni di lettura è il modo perfetto per scremare e decidere imho!
      A conti fatti anche per me la maggior parte dei titoli certi, per intero o in parte, sono della Goen seguiti dalle due certezze Star... il problema come dici anche tu è la periodicità ): Sono abbastanza sicura che tutti quei titoli verranno pubblicati solo nell'arco di molto tempo, ma speriamo che riescano a darsi una smossa.

      Elimina
  3. Per me:
    - Gintama e Maison ikkoku sono una vita che li bramo, per cui saranno di certo miei!
    - Himitsu perché amo la Shimizu.
    - A silent voice mi ispira tantissimo. Mi piace il tema e anche il discorso dell'handicap.
    - Bus Gamer lo prenderò perché sostengo la Minekura (poraccia, è una che dedica veramente anima e corpo al suo lavoro e io prego affinché riesca a finire Saiyuki!).
    - Chopperman e l'official guide di Pandora Hearts perché sono volumi unici e completano le rispettive serie :D

    Devo dire che mi ritengo discretamente contenta di questi annunci e, anche se non inizierò mille serie, forse è anche meglio, visto che ne ho già una marea iniziate :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfettamente d'accordo con molti titoli che citi, come sai, e anche con la discreta soddisfazione per come sono andati gli annunci, considerata la mole di roba in corso e tutti gli arretrati!

      Elimina